25 Luglio 2024
News
percorso: Home > News > News Fotografia

Sbarco in Normandia: la storia della foto simbolo del D-Day e degli orrori della guerra

18-06-2024 17:22 - News Fotografia
Un soldato americano striscia tra i flutti mentre le forze alleate assaltano le spiagge della Normandia durante il D-Day.
Questa celebre immagine del fotografo Robert Capa dell'invasione che ha ribaltato le sorti della Seconda Guerra Mondiale ha fornito al mondo una finestra sugli orrori della guerra.
L'immagine è sfuocata e rispecchia il movimento caotico della scena reale: questo è il D-Day.
La celebre fotografia di Robert Capa cattura l’essenza di una delle battaglie più importanti della Seconda Guerra Mondiale.
Il 6 giugno 1944 - 80 anni fa - la guerra raggiunse un punto di svolta quando 160.000 uomini delle truppe alleate presero d'assalto le spiagge della Normandia in quella che sarebbe diventata la più grande invasione via mare della storia.
Gli uomini sommersi dall'acqua che quel giorno nuotarono, inciamparono e strisciarono sulla costa francese erano armati di fucili e Capa - che era con loro - era “armato” della sua macchina fotografica, il cui obiettivo avrebbe dato a milioni di civili un'idea degli orrori della guerra. Ma anche se Capa sopravvisse alla battaglia, le sue fotografie rischiarono di non farcela.

Chi era Robert Capa
All'età di 30 anni, Capa, di origine ungherese, era già un fotoreporter veterano il cui lavoro si era imposto all'attenzione internazionale. Le sue fotografie della Guerra civile spagnola raccontano la brutale realtà del conflitto e l'eroismo dei combattenti repubblicani antifascisti.
L'esperienza di Capa in Spagna gli fece conoscere da vicino i rischi che comportava la fotografia di guerra.
La sua compagna Gerda Taro, nota fotoreporter tedesca, fu uccisa nel 1937 proprio mentre stavano documentando la guerra in Spagna.
Capa decise di rivolgere il suo obiettivo sulla Francia settentrionale, dove l'invasione pianificata dagli Alleati mirava a ribaltare le sorti della Seconda Guerra Mondiale.
Nel suo libro di memorie del 1947, Slightly Out of Focus (Leggermente fuori fuoco) Capa scrisse di aver scelto di unirsi alla prima ondata di truppe sbarcate a Omaha Beach. Essendo la prima linea dell'invasione, queste truppe avrebbero sopportato il peso maggiore delle forti difese tedesche.
La Germania occupava la Francia dal 1940 e se gli Alleati fossero riusciti a strappare il Paese alla morsa dei nazisti, avrebbero potuto liberare l'Europa occidentale.
Capa sapeva di rischiare la morte.
La Divisione Alleata per le Relazioni Pubbliche gli aveva chiesto di redigere testamento prima del D-Day, e il fotografo, per ogni evenienza, aveva anche scritto una lettera di addio alla sua famiglia.



Fonte: National Geographic Italia

Realizzazione siti web www.sitoper.it
cookie